Ti racconto il mio parto #9

Se vuoi condividere con noi la tua esperienza, scrivici su:
Messenger @aminaodv
Instagram Direct @amina_odv
Email aminaodv@gmail.com

Durante la gravidanza del mio primo figlio, 15 anni fa, mi sono più volte detta che l’essere incinta non significava essere ammalata e che “lo stato interessante” era, appunto, un particolarissimo, stupefacente e miracoloso periodo della mia vita che avrei tentato di affrontare nel modo più sereno possibile. Per questo motivo ho ridotto all’essenziale tutti gli esami e le visite previste. L’idea di dover monitorare ogni istante della gravidanza mi metteva ansia e mi dava la sensazione di malattia, che tanto volevo rifuggire. Allo stesso modo, avrei voluto rifuggire l’ansiogeno e doloroso momento del travaglio e del parto, affidandomi alla provvidenziale anestesia epidurale. Pensavo che nel 2007, una efficace gestione del dolore fosse una prassi ovvia e disponibile, ma, evidentemente, mi sbagliavo, perché non è assolutamente né ovvia né disponibile.

Non tutti gli ospedali la prevedono e anche quelli che la prevedono, non ne garantiscono l’accesso, perché gli anestesisti sono pochi e non è detto che nel momento fatidico siano disponibili. Nonostante questo, ho scelto, comunque, di partorire nell’ospedale che prevedeva l’utilizzo dell’anestesia, sperando di poterne usufruire. Accompagnata da mio marito, ho vissuto 6 delle 12 ore del mio travaglio, in una stanzina, suddivisa da un pannello, dietro al quale c’era un’altra donna in travaglio, supportata a sua volta dal marito. Ho richiesto più volte all’ostetrica, che a vari intervalli veniva a verificare l’avanzamento del mio travaglio, di poter fare l’iniezione epidurale.

Secondo lei non era mai il momento giusto per farla…o era troppo presto, oppure era troppo tardi, oppure non era necessaria, in fondo il dolore sembrava non essere un problema. Devo averla richiesta con insistenza e portato l’ostetrica a cedere per sfinimento, perché, alla fine, l’anestesista è arrivato e l’epidurale l’ho ricevuta veramente. Devo dire che è stata provvidenziale, perché ero esausta.

Il travaglio era iniziato all’una di notte e non avevo chiuso occhio. Mi ha permesso di rifiatare per circa mezz’ora, prima che iniziasse il parto. Per agevolare la nascita di mio figlio mi hanno praticato l’episiotomia, che ha richiesto circa una dozzina di punti di sutura. Finito l’effetto dell’epidurale, il taglio dell’episiotomia ha iniziato a farsi sentire e ha continuato a farsi sentire per circa tre mesi dopo il parto. Anche in questo caso ho dovuto far presente più volte all’infermiera/ostetrica del dolore dovuto all’episiotomia, perché, anche in questo caso, sembrava che il dolore non fosse e non dovesse essere un problema.

Le risposte erano tese a minimizzare la questione con frasi del tipo: “Saranno le emorroidi, sono così frequenti dopo il parto”, oppure: “Basta fare dei lavaggi con acqua fredda”. Nonostante la gioia, lo stupore e la meraviglia per il dono della vita che si è rinnovato, permane il ricordo amaro di questi episodi di indifferenza e di minimizzazione del dolore, vissuti e percepiti come una mancanza di cura e di rispetto.

AMINa ODV

La nostra missione è quella di promuovere un parto consapevole, rispettato e positivo in Italia e nel mondo. Partiamo dal presupposto che al momento molte donne sono vittime di violenza ostetrica, oppure mancano di accesso ai servizi di assistenza di base. Attraverso attività di sensibilizzazione e di cooperazione allo sviluppo, AMINa mira a promuovere una diversa cultura del parto, che valorizzi le differenze e consideri partoriente e nascituro come soggetti e non come oggetti dell’azione.

Immaginiamo un mondo in cui il parto venga affrontato con la giusta consapevolezza e possa essere un momento positivo e trasformativo per la partoriente ed il nascituro. Un mondo in cui la vita ed il venire al mondo vengano valorizzati, così come il rispetto delle diversità e del percorso di vita di ognuna/o.

Crediamo che la diversità sia una ricchezza; crediamo nelle doti innate della partoriente e del nascituro nel momento del parto; crediamo che questo debba essere affiancato dalle opportunità offerte dalla medicina e che la nascita dovrebbe essere al centro di ogni agenda politica poiché riguarda l’intera umanità e non dev’essere relegata al solo universo femminile. Crediamo che il parto possa essere una straordinaria esperienza trasformativa.

Sostienici

Può interessarti anche

  • Ti racconto il mio parto - AMINa ODV

Ti racconto il mio parto #20

Giugno 18th, 2024|0 Comments

Ti racconto il mio parto #20 Se vuoi condividere con noi la tua esperienza, scrivici su: Messenger @aminaodv Instagram Direct @amina_odv Email aminaodv@gmail.com Ciao, sono Simona, il 6 maggio 2023 è [...]

Ti racconto il mio parto #19

Giugno 18th, 2024|0 Comments

Ti racconto il mio parto #19 Se vuoi condividere con noi la tua esperienza, scrivici su: Messenger @aminaodv Instagram Direct @amina_odv Email aminaodv@gmail.com Ho partorito quasi due mesi fa e ci [...]

  • Adrienne Rich - Nato di donna

Adrienne Rich – Nato di Donna

Giugno 17th, 2024|0 Comments

di Chiara Segrado - Presidente AMINa Il coraggio di uscire dallo schema della "sacra vocazione" della maternità. Già negli anni Settanta, Adrienne Rich scriveva:"I lavoratori possono organizzarsi in sindacati e scioperare; le madri sono [...]