Ti racconto il mio parto #3

Se vuoi condividere con noi la tua esperienza, scrivici su:
Messenger @aminaodv
Instagram Direct @amina_odv
Email aminaodv@gmail.com

Ho partorito negli anni Settanta, in un piccolo paese del nord dell’Italia. All’epoca potevamo ancora contare sulle ostetriche condotte per i monitoraggi di routine e la mia gravidanza stava procedendo in tranquillità, tanto che fino all’ultimo minuto ho condotto la mia solita vita, incluso il lavoro.
Ammetto di non essermi troppo informata durante la gravidanza, pensavo che al momento giusto sarei andata in ospedale e avrei semplicemente partorito come avevano fatto tutte.

Non mi aspettavo il senso di smarrimento e paura che invece mi sono ritrovata ad affrontare una volta giunta in ospedale. L’ingerenza, le visite di controllo effettuate da medici distratti, senza cura né attenzione. La rasatura, il clistere il non capire quello che mi stava accadendo. Il dolore.
Ma soprattutto il fatto che nessuno si fosse accorto che mio figlio era in posizione podalica, con il cordone attorno al collo fino all’ultimo, quando ormai stremata non reagivo più, non spingevo più. In quel momento l’ostetrica, che fino ad allora non aveva smesso di urlarmi addosso, mi è saltata letteralmente sulla pancia (con quella che poi ho scoperto essere la manovra di Kristeller che in alcuni Paesi, come il Regno Unito, è ad esempio proibita per i grossi rischi che le sono correlati) procurandomi un dolore ancora più’forte ma facendo finalmente uscire il bambino. Ovviamente mi è stata effettuata anche un’episiotomia di cui porto ancora i segni dopo tanti anni.

Per me è stata un’esperienza così traumatica da non aver voluto avere altri figli.

AMINa ODV

La nostra missione è quella di promuovere un parto consapevole, rispettato e positivo in Italia e nel mondo. Partiamo dal presupposto che al momento molte donne sono vittime di violenza ostetrica, oppure mancano di accesso ai servizi di assistenza di base. Attraverso attività di sensibilizzazione e di cooperazione allo sviluppo, AMINa mira a promuovere una diversa cultura del parto, che valorizzi le differenze e consideri partoriente e nascituro come soggetti e non come oggetti dell’azione.

Immaginiamo un mondo in cui il parto venga affrontato con la giusta consapevolezza e possa essere un momento positivo e trasformativo per la partoriente ed il nascituro. Un mondo in cui la vita ed il venire al mondo vengano valorizzati, così come il rispetto delle diversità e del percorso di vita di ognuna/o.

Crediamo che la diversità sia una ricchezza; crediamo nelle doti innate della partoriente e del nascituro nel momento del parto; crediamo che questo debba essere affiancato dalle opportunità offerte dalla medicina e che la nascita dovrebbe essere al centro di ogni agenda politica poiché riguarda l’intera umanità e non dev’essere relegata al solo universo femminile. Crediamo che il parto possa essere una straordinaria esperienza trasformativa.

Sostienici

Può interessarti anche

  • Ti racconto il mio parto - AMINa ODV

Ti racconto il mio parto #20

Giugno 18th, 2024|0 Comments

Ti racconto il mio parto #20 Se vuoi condividere con noi la tua esperienza, scrivici su: Messenger @aminaodv Instagram Direct @amina_odv Email aminaodv@gmail.com Ciao, sono Simona, il 6 maggio 2023 è [...]

Ti racconto il mio parto #19

Giugno 18th, 2024|0 Comments

Ti racconto il mio parto #19 Se vuoi condividere con noi la tua esperienza, scrivici su: Messenger @aminaodv Instagram Direct @amina_odv Email aminaodv@gmail.com Ho partorito quasi due mesi fa e ci [...]

  • Adrienne Rich - Nato di donna

Adrienne Rich – Nato di Donna

Giugno 17th, 2024|0 Comments

di Chiara Segrado - Presidente AMINa Il coraggio di uscire dallo schema della "sacra vocazione" della maternità. Già negli anni Settanta, Adrienne Rich scriveva:"I lavoratori possono organizzarsi in sindacati e scioperare; le madri sono [...]