Parliamo di violenza ostetrica e ginecologica

Il termine violenza ostetrica non è nuovo; è stato utilizzato per la prima volta nel 1827 dal dottor James Blundell sulla rivista medica The Lancet. Nelle sue conferenze Blundell era estremamente critico nei confronti dell’approccio interventista nell’ostetricia secondo cui i medici utilizzavano mani, forcipe ed altri attrezzi per interferire in maniera libera ed indiscriminata nel processo di nascita, spesso con conseguenze violente).

Nel 1839 un pezzo pubblicato nel Botanico Medical Recorder riporta un capo di accusa per un caso di “violenza ostetrica” da parte del dottor Septimius Hunter nei confronti di Justine Cozens, che aveva portato al decesso di quest’ultima.

Nel 1957 l’infermiera americana Galdys Denny Schultz scrive riguardo a forme di “sadismo e crudeltà nelle sale parto” in una lettera pubblicata nel Ladies Home Journal e in un articolo pubblicato l’anno seguente nella stessa rivista, in cui la Schultz riportava casi vissuti in prima persona e lettere ricevute da donne che avevano subito varie forme di maltrattamento durante il parto.

Anche Sheila Kitzinger nel 1992 riprende il tema dopo aver ricevuto più di 340 lettere da parte di vittime di violenza ostetrica in Gran Bretagna.

Negli ultimi vent’anni il termine ha ricevuto un riconoscimento internazionale sia da parte delle Nazioni Unite che da numerosi governi dell’America Latina e Centrale (Venezuela, Argentina, Messico, Bolivia, Panama) in cui il concetto ha assunto una valenza legale al punto da essere inserito in specifiche leggi nazionali.

In Europa il discorso sta prendendo piede in Paesi come la Spagna ed il Portogallo, e campagne contro la violenza ostetrica sono state lanciate in Russia, Croazia, Francia, Finlandia, Ungheria, Olanda e Gran Bretagna.

AMINa ODV

La nostra missione è quella di promuovere un parto consapevole, rispettato e positivo in Italia e nel mondo. Partiamo dal presupposto che al momento molte donne sono vittime di violenza ostetrica, oppure mancano di accesso ai servizi di assistenza di base. Attraverso attività di sensibilizzazione e di cooperazione allo sviluppo, AMINa mira a promuovere una diversa cultura del parto, che valorizzi le differenze e consideri partoriente e nascituro come soggetti e non come oggetti dell’azione.

Immaginiamo un mondo in cui il parto venga affrontato con la giusta consapevolezza e possa essere un momento positivo e trasformativo per la partoriente ed il nascituro. Un mondo in cui la vita ed il venire al mondo vengano valorizzati, così come il rispetto delle diversità e del percorso di vita di ognuna/o.

Crediamo che la diversità sia una ricchezza; crediamo nelle doti innate della partoriente e del nascituro nel momento del parto; crediamo che questo debba essere affiancato dalle opportunità offerte dalla medicina e che la nascita dovrebbe essere al centro di ogni agenda politica poiché riguarda l’intera umanità e non dev’essere relegata al solo universo femminile. Crediamo che il parto possa essere una straordinaria esperienza trasformativa.

Sostienici

Può interessarti anche

  • La Nursery - Szilvia Mosnar

Szilvia Mosnar – La Nursery

Giugno 24th, 2024|0 Comments

di Chiara Segrado - Presidente AMINa ODV "La nursery" di Silvia Molnar è un romanzo crudo e senza filtri sull'esperienza di diventare madri. La protagonista alterna il racconto dei vari momenti di questo processo, dal [...]

  • Ti racconto il mio parto - AMINa ODV

Ti racconto il mio parto #20

Giugno 18th, 2024|0 Comments

Ti racconto il mio parto #20 Se vuoi condividere con noi la tua esperienza, scrivici su: Messenger @aminaodv Instagram Direct @amina_odv Email aminaodv@gmail.com Ciao, sono Simona, il 6 maggio 2023 è [...]

Ti racconto il mio parto #19

Giugno 18th, 2024|0 Comments

Ti racconto il mio parto #19 Se vuoi condividere con noi la tua esperienza, scrivici su: Messenger @aminaodv Instagram Direct @amina_odv Email aminaodv@gmail.com Ho partorito quasi due mesi fa e ci [...]