Ostetricia e cambiamenti climatici

La lotta ai cambiamenti climatici è al centro dell’agenda politica internazionale. Viene in mente l’ostetrico francese Michel Odent che ricorda come le discussioni sui cambiamenti climatici siano per lungo tempo state appannaggio dei meteorologi, per diventare poi una priorità per tutti; e di come lui auspichi che la nascita possa fare lo stesso percorso, insinuandosi tra le priorità delle politiche globali.

In ambito ostetrico, il New Zealand College of Midwives si presenta come leader per le iniziative sostenibili nel contesto della nascita. Basa il proprio impegno sulla premessa che le emergenze climatiche costituiscono una delle maggiori minacce al raggiungimento degli obiettivi globali sulla salute materna, poiché le donne incinte, i neonati ed i bambini sono generalmente tra le popolazioni più vulnerabili e già vittime di ineguaglianze, povertà ed emarginazione in diversi contesti.

La stessa International Confederation of Midwives (ICM) ha scritto un position statement sui cambiamenti climatici che dice che molti dei potenziali effetti dei cambiamenti climatici potrebbero avere serie conseguenze per donne, bambini e famiglie e per le stesse ostetriche e che è dunque importante che la comunità ostetrica riconosca questa potenziale minaccia trovando contestualmente il modo di contribuire alla gestione delle problematiche locali e globali dovute ad agenti climatici.

Nel libro della dottoressa neozelandese Rea Daellenbach “Sustainability, Midwifery and Birth” vengono identificati alcuni modelli di pratica ostetrica sostenibile, tipo la continuità ed accessibilità della cura, minacciati dagli effetti avversi dei cambiamenti climatici come l’aumento delle temperature, la qualità e disponibilità di acqua e cibo con conseguenze sulla sicurezza alimentare di intere popolazioni e da una gamma di fattori socio-culturali, economici e fisiologici che vanno ad inasprire disuguaglianze e vulnerabilità.

Questi rischi sono particolarmente elevati per le popolazioni indigene; l’esperto di salute pubblica Rhys Jones nel suo articolo su Global Health Promotion del 2019 intitolato “Climate change and indigenous health promotion” afferma che il cambiamento climatico antropogenico è connesso con ideologie, sistemi e pratiche coloniali e le sue conseguenze possono essere descritte come un’intensificazione dei processi di colonizzazione. Questo perché il processo di colonizzazione ha portato all’espropriazione delle terre, destabilizzazione culturale e marginalizzazione di diversi gruppi indigeni, migrazione e generali condizioni di vulnerabilità.

Un esempio pratico dell’effetto dei cambiamenti climatici sulle donne in gravidanza: uno studio[1] ha trovato che le temperature elevate tipiche delle stagioni calde possono provocare un distacco prematuro della placenta in donne prossime al parto, e aumentare il rischio di mortalità alla nascita.

Vista la loro esperienza accanto alle partorienti e non solo, le ostetriche possono avere un ruolo essenziale nel portare le istanze delle donne in gravidanza e della popolazione femminile in generale all’attenzione dei decision makers sia locali che globali.

[1] He S., Kosatsky T., Smargiassi A., Bilodeau – Bertrand M., Auger N. (2018). Health and pregnancy-related emergencies: risk of placental abruption during hot weather, Environment international, 111:295-300

AMINa ODV

La nostra missione è quella di promuovere un parto consapevole, rispettato e positivo in Italia e nel mondo. Partiamo dal presupposto che al momento molte donne sono vittime di violenza ostetrica, oppure mancano di accesso ai servizi di assistenza di base. Attraverso attività di sensibilizzazione e di cooperazione allo sviluppo, AMINa mira a promuovere una diversa cultura del parto, che valorizzi le differenze e consideri partoriente e nascituro come soggetti e non come oggetti dell’azione.

Immaginiamo un mondo in cui il parto venga affrontato con la giusta consapevolezza e possa essere un momento positivo e trasformativo per la partoriente ed il nascituro. Un mondo in cui la vita ed il venire al mondo vengano valorizzati, così come il rispetto delle diversità e del percorso di vita di ognuna/o.

Crediamo che la diversità sia una ricchezza; crediamo nelle doti innate della partoriente e del nascituro nel momento del parto; crediamo che questo debba essere affiancato dalle opportunità offerte dalla medicina e che la nascita dovrebbe essere al centro di ogni agenda politica poiché riguarda l’intera umanità e non dev’essere relegata al solo universo femminile. Crediamo che il parto possa essere una straordinaria esperienza trasformativa.

Sostienici

Può interessarti anche

  • Ti racconto il mio parto - AMINa ODV

Ti racconto il mio parto #20

Giugno 18th, 2024|0 Comments

Ti racconto il mio parto #20 Se vuoi condividere con noi la tua esperienza, scrivici su: Messenger @aminaodv Instagram Direct @amina_odv Email aminaodv@gmail.com Ciao, sono Simona, il 6 maggio 2023 è [...]

Ti racconto il mio parto #19

Giugno 18th, 2024|0 Comments

Ti racconto il mio parto #19 Se vuoi condividere con noi la tua esperienza, scrivici su: Messenger @aminaodv Instagram Direct @amina_odv Email aminaodv@gmail.com Ho partorito quasi due mesi fa e ci [...]

  • Adrienne Rich - Nato di donna

Adrienne Rich – Nato di Donna

Giugno 17th, 2024|0 Comments

di Chiara Segrado - Presidente AMINa Il coraggio di uscire dallo schema della "sacra vocazione" della maternità. Già negli anni Settanta, Adrienne Rich scriveva:"I lavoratori possono organizzarsi in sindacati e scioperare; le madri sono [...]