Linea nigra di Jazmina Barrera

“In una libreria, durante un incontro in cui parlavamo della traduzione di Little Labors, un uomo del pubblico dice che non capisce perché in letteratura sia diventato così di moda il tema della maternità. Non lo trova così “fondamentale”. So di altre scrittrici che stanno scrivendo di parto e allattamento. Questa moda mi piace tantissimo e voglio che sia più di una moda. Che fossimo di più. Molte. Credo che non saremo mai abbastanza.”

Questo libro è un diario, un collage di pensieri di una futura e poi neo-mamma. Jazmina vive in Messico, è una scrittrice ed in attesa del suo bimbo mette sulla carta pensieri, paure, poesie e letture sulla gravidanza. Alle volte appaiono in scena il compagno, la mamma artista, le amiche, che l’accompagnano, la sostengono, si confrontano con lei in questo viaggio verso un nuovo corpo, una nuova vita. Ma anche grandi artiste come Tina Modotti, Frida Khalo, Virginia Woolf, Natalia Ginzburg e Margaret Atwood, che vengono di frequente citate arricchendo il testo con spunti che fanno riflettere e pensare.

E un ginecologo inaffidabile, che si trasferisce poco prima del parto in un’altra clinica erodendo la sua tranquillità e fiducia, ancor più quando scopre che nonostante abbia scelto di partorire con lui, il medico ha rubato delle immagini nel corso del parto per farsi pubblicità su Twitter.

Un quadro colorato come quelli che dipinge la madre pittrice, pieno di colori, sfumature, fragilità, paure, gioia e lacrime, quello che dipinge Jazmina nel suo Linea nigra. Un libro in cui ci guida nel mondo della gravidanza così come la linea nigra che compare al centro dell’addome durante la gravidanza, per guidare, si dice, il neonato verso il seno al momento della nascita.

Anche AMINa sta raccogliendo storie di donne che desiderano raccontare del loro parto. Potete leggerle nella sezione “Ti racconto il mio parto” oppure raccontarci su Messenger @aminaodv, Instagram Direct @amina_odv o email aminaodv@gmail.com le vostre storie, che verranno pubblicate in forma anonima.

AMINa ODV

La nostra missione è quella di promuovere un parto consapevole, rispettato e positivo in Italia e nel mondo. Partiamo dal presupposto che al momento molte donne sono vittime di violenza ostetrica, oppure mancano di accesso ai servizi di assistenza di base. Attraverso attività di sensibilizzazione e di cooperazione allo sviluppo, AMINa mira a promuovere una diversa cultura del parto, che valorizzi le differenze e consideri partoriente e nascituro come soggetti e non come oggetti dell’azione.

Immaginiamo un mondo in cui il parto venga affrontato con la giusta consapevolezza e possa essere un momento positivo e trasformativo per la partoriente ed il nascituro. Un mondo in cui la vita ed il venire al mondo vengano valorizzati, così come il rispetto delle diversità e del percorso di vita di ognuna/o.

Crediamo che la diversità sia una ricchezza; crediamo nelle doti innate della partoriente e del nascituro nel momento del parto; crediamo che questo debba essere affiancato dalle opportunità offerte dalla medicina e che la nascita dovrebbe essere al centro di ogni agenda politica poiché riguarda l’intera umanità e non dev’essere relegata al solo universo femminile. Crediamo che il parto possa essere una straordinaria esperienza trasformativa.

Sostienici

Può interessarti anche

Ti racconto il mio parto #15

Febbraio 2nd, 2023|0 Comments

Ti racconto il mio parto #15 Se vuoi condividere con noi la tua esperienza, scrivici su: Messenger @aminaodv Instagram Direct @amina_odv Email aminaodv@gmail.com Buongiorno! Grazie innanzitutto ad AMINa per questa bellissima [...]

I martedì di AMINa con l’espert*

Gennaio 19th, 2023|0 Comments

I martedì di AMINa con l'espert* Nasce la nuova rubrica di AMINa ODV "I martedì di AMINa con l'espert*", uno spazio per approfondire alcuni argomenti in relazione alla gravidanza e al parto insieme a [...]