Dehumanized, Violated and Powerless

Un nuovo studio pubblicato in Australia il 30 novembre 2022 intitolato Dehumanized, Violated and Powerless: An Australian Survey of Women’s Experiences of Obstetric Violence in the Past 5 Years analizza la situazione vissuta dalle donne australiane in sala parto. Riportiamo di seguito un estratto dello studio, che si può trovare in versione integrale (in inglese).

La gravidanza, il parto e il diventare madre sono eventi significativi nella vita di una donna che non si dimenticano. Essere soggette a cure irrispettose o abusive può portare a un parto considerato traumatico dalle donne, con conseguenze importanti (Simonovic, 2019). La violenza contro le donne è un problema internazionale ampiamente riconosciuto di violenza sistemica basata sul genere (Nazioni Unite, 1994). Quando ciò si verifica nel contesto della nascita, si parla di violenza ostetrica (OV). L’OV non viene misurata di routine nei dati di nascita specifici per paese, ma si stima che la percentuale di donne vittime di violenza ostetrica vari dal 17% negli Stati Uniti, al 24% in Messico e al 58% nei paesi africani (Perrotte et al., 2020). Gran parte della ricerca sull’OV fino ad oggi proviene da paesi a basso e medio reddito (LMIC), portando all’impressione che questo problema non riguardi le donne nei paesi ad alto reddito (HIC) come l’Australia.

La violenza contro le donne è definita come “qualsiasi atto di violenza di genere che provochi, o possa provocare, danni o sofferenze fisiche, sessuali o psicologiche alle donne, comprese le minacce di tali atti, la coercizione o la privazione arbitraria della libertà, che si verifichino nella vita pubblica o privata” (Nazioni Unite, 1994). La violenza ostetrica è stata riconosciuta per la prima volta nella “Legge organica sul diritto delle donne a una vita libera dalla violenza” venezuelana (2007) che la descrive come un’esperienza di parto che diventa disumanizzante, violenta fisicamente e/o mentalmente e invadente (Mena-Tudela et al., 2020; Michaels et al., 2019).

La violenza ostetrica si traduce in una perdita di autonomia e lascia le donne confuse e prive di potere perché sono condizionate dalla società a confidare nell’autorità e nella conoscenza del caregiver, sia esso operatore sanitario o altro. Questo squilibrio di potere e l’abuso di fiducia nello spazio della nascita (Mena-Tudela et al., 2020; Michaels et al., 2019) possono provocare traumi alla nascita, tassi più elevati di depressione postnatale e disturbo da stress post-traumatico (PTSD) (Martinez -Vazquez et al., 2021; Souza et al., 2017).

La legislazione che identifica l’OV sia come violenza di genere sia come negligenza clinica è stata introdotta in sette paesi dell’America Latina (Simonovic, 2019). Tuttavia, nei paesi HIC, la terminologia di OV è contrastata da alcuni operatori sanitari (HCP) (Lévesque & Ferron-Parayre, 2021; Savage & Castro, 2017) in quanto non pertinente, in quanto le donne hanno un maggiore accesso a tutele, diritti e opportunità che potrebbero non verificarsi in LMIC. Il termine OV è stato anche descritto come antagonista nei confronti degli operatori sanitari in quanto implica un “atto intenzionale finalizzato a causare danni” (Bohren et al., 2020) e ci sono dibattiti polarizzati sull’uso del termine OV (Garcia, 2020; Lappeman & Swartz, 2021; Lévesque & Ferron-Parayre, 2021) che è spesso fraintesa dalle donne e dalla società (Sadler et al., 2016).

È stato anche suggerito che l’uso del termine violenza ostetrica può essere depotenziante per le donne e potenzialmente limitare il potenziale di cambiamento degli operatori sanitari (Lappeman & Swartz, 2021). Tuttavia, questo punto di vista è stato contestato da Lévesque e Ferron-Parayre (2021) che hanno sostenuto che l’identificazione di questi comportamenti può dare potere alle donne attraverso il riconoscimento e l’educazione, liberando così da sentimenti di vergogna e colpa, e che attraverso la narrazione le donne possono effettivamente “acquisire potere”.

Non sono solo le donne a subire danni derivanti dall’OV. Assistere ad episodi di violenza ostetrica può avere un impatto negativo anche sugli operatori sanitari e accompagnatori. Rubashkin e Minckas (2018) hanno studiato il disagio degli studenti di medicina statunitensi che osservano OV durante i tirocini all’estero. Un’indagine australiana sulle ostetriche ha rilevato che coloro che hanno assistito a un parto traumatico hanno descritto sentimenti di impotenza, paura e impotenza e il 17% delle 601 ostetriche è stato identificato come potenzialmente in grado di raggiungere i criteri diagnostici per il disturbo da stress post-traumatico (Leinweber et al., 2017). Uno studio dalla Turchia ha rilevato che il 20% di 417 studenti di ostetricia nel loro studio ha manifestato sintomi di disturbo da stress post-traumatico, che sono aumentati fino a oltre il 24% se hanno assistito a un parto traumatico (Bayri Bingol et al., 2021).

L’Australia è uno di questi paesi HIC dove spesso c’è resistenza a riconoscere l’esistenza di OV (Human Rights in Childbirth, 2019) e nel Piano nazionale australiano recentemente pubblicato per porre fine alla violenza contro le donne e i bambini 2022-2032 non si faceva menzione di OV (Dipartimento di Servizi Sociali, 2022).

Come molti paesi, l’Australia ha tassi di taglio cesareo e di intervento in aumento. Nel 2019 la maggior parte delle donne ha partorito in ospedale (97%) e il tasso di cesareo nazionale è stato del 36%, il tasso di VBAC (nascita vaginale dopo cesareo) del 12,2% e il 46,8% delle donne primipare ha avuto un travaglio indotto (Australian Institute of Health and Welfare [AIHW], 2021a). Il tasso di episiotomia è aumentato dal 12,7% nel 2009 al 24,3% nel 2019 (AIHW, 2021a; Li et al., 2011).

In Australia, esiste una varietà di modelli di assistenza alla maternità a cui le donne possono accedere, a seconda della posizione e della disponibilità (Keedle et al., 2020). Il modello di assistenza più ampio è di natura frammentata (40,8%) e comporta che le donne vedano diversi operatori sanitari durante la gravidanza, il travaglio e il parto e il periodo postnatale (AIHW, 2021b). Le donne possono essere in grado di accedere alla continuità delle cure con un’ostetrica attraverso un ospedale pubblico nelle pratiche del gruppo di ostetricia (MGP) (15,1%) o attraverso ostetriche che praticano privatamente (PPM) (2,2%) che spesso offrono servizi di parto a domicilio (AIHW, 2021b; Dawson et al., 2016; Wilkes et al., 2015). Il modello ostetrico privato (10,5%) e l’assistenza condivisa con un medico generico (14,6%) offrono diversi tipi di continuità nell’ambito dell’assistenza medica attraverso un ospedale privato o pubblico (AIHW, 2021b; Keedle et al., 2020).

Lo scopo di questo articolo è esplorare la prevalenza e le esperienze di OV riportate da donne che hanno avuto un bambino in Australia nei cinque anni precedenti dal 2021.

AMINa ODV

La nostra missione è quella di promuovere un parto consapevole, rispettato e positivo in Italia e nel mondo. Partiamo dal presupposto che al momento molte donne sono vittime di violenza ostetrica, oppure mancano di accesso ai servizi di assistenza di base. Attraverso attività di sensibilizzazione e di cooperazione allo sviluppo, AMINa mira a promuovere una diversa cultura del parto, che valorizzi le differenze e consideri partoriente e nascituro come soggetti e non come oggetti dell’azione.

Immaginiamo un mondo in cui il parto venga affrontato con la giusta consapevolezza e possa essere un momento positivo e trasformativo per la partoriente ed il nascituro. Un mondo in cui la vita ed il venire al mondo vengano valorizzati, così come il rispetto delle diversità e del percorso di vita di ognuna/o.

Crediamo che la diversità sia una ricchezza; crediamo nelle doti innate della partoriente e del nascituro nel momento del parto; crediamo che questo debba essere affiancato dalle opportunità offerte dalla medicina e che la nascita dovrebbe essere al centro di ogni agenda politica poiché riguarda l’intera umanità e non dev’essere relegata al solo universo femminile. Crediamo che il parto possa essere una straordinaria esperienza trasformativa.

Sostienici

Può interessarti anche

  • Ti racconto il mio parto - AMINa ODV

Ti racconto il mio parto #20

Giugno 18th, 2024|0 Comments

Ti racconto il mio parto #20 Se vuoi condividere con noi la tua esperienza, scrivici su: Messenger @aminaodv Instagram Direct @amina_odv Email aminaodv@gmail.com Ciao, sono Simona, il 6 maggio 2023 è [...]

Ti racconto il mio parto #19

Giugno 18th, 2024|0 Comments

Ti racconto il mio parto #19 Se vuoi condividere con noi la tua esperienza, scrivici su: Messenger @aminaodv Instagram Direct @amina_odv Email aminaodv@gmail.com Ho partorito quasi due mesi fa e ci [...]

  • Adrienne Rich - Nato di donna

Adrienne Rich – Nato di Donna

Giugno 17th, 2024|0 Comments

di Chiara Segrado - Presidente AMINa Il coraggio di uscire dallo schema della "sacra vocazione" della maternità. Già negli anni Settanta, Adrienne Rich scriveva:"I lavoratori possono organizzarsi in sindacati e scioperare; le madri sono [...]