AMINa OdV presenta

Apericena Afghano

Un approfondimento sui temi della nascita, della maternità e sui progetti di AMINa in Afghanistan

Sabato 06 maggio 2023 a partire dalle 18:30, presso l’oratorio della Chiesa dei Santi Marcellino e Pietro al Laterano in via Labicana 3, Roma (Metro A – Fermata Manzoni)

INFO & PRENOTAZIONI: aminaodv@gmail.com

Sabato 6 maggio AMINa ODV organizza un evento per approfondire il tema della nascita e della maternità in Afghanistan e raccontare un nuovo progetto dell’associazione in questo paese.

Secondo un rapporto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ed altre agenzie delle Nazioni Unite, nel mondo muore una donna ogni due minuti a causa di complicazioni durante la gravidanza o il parto (dati relativi agli anni 2016-2020).

Il rapporto di Medici Senza Frontiere (Febbraio 2023) evidenzia, in Afghanistan, un aumento del 20% per i casi critici relativi alla maternità, con una crescita della mortalità di donne e bambin*, ma anche per casi critici relativi alle prestazioni sanitarie in generale.
In questo contesto sempre più complesso e drammatico, AMINa si impegna a dare il suo contributo attraverso il sostegno di una clinica che accoglie donne in gravidanza e partorienti.

A partire dalle 18.30 troverete un’apericena con specialità della cucina Afghana accompagnato da musica dal vivo locale. Interverranno:

  • Barbara Schiavulli, Giornalista di guerra e Direttrice di Radio Bullets
  • Nesa Mohammadi, Ostetrica
  • Chiara Segrado, Presidentessa di AMINa

Presenteremo il libro di Schiavulli, Burqa Queen, acquistabile al nostro banchetto merchandising; e introdurremo il nuovo progetto di AMINa a sostegno di una clinica afghana, per garantire un parto sicuro e rispettato a tutte le donne e bambin*.

Ti aspettiamo sabato 6 maggio dalle 18.30 presso l’oratorio della Chiesa dei Santi Marcellino e Pietro al Laterano, in Via Labicana 3, Roma

Per partecipare iscriviti con una mail a aminaodv@gmail.com

AMINa ODV

La nostra missione è quella di promuovere un parto consapevole, rispettato e positivo in Italia e nel mondo. Partiamo dal presupposto che al momento molte donne sono vittime di violenza ostetrica, oppure mancano di accesso ai servizi di assistenza di base. Attraverso attività di sensibilizzazione e di cooperazione allo sviluppo, AMINa mira a promuovere una diversa cultura del parto, che valorizzi le differenze e consideri partoriente e nascituro come soggetti e non come oggetti dell’azione.

Immaginiamo un mondo in cui il parto venga affrontato con la giusta consapevolezza e possa essere un momento positivo e trasformativo per la partoriente ed il nascituro. Un mondo in cui la vita ed il venire al mondo vengano valorizzati, così come il rispetto delle diversità e del percorso di vita di ognuna/o.

Crediamo che la diversità sia una ricchezza; crediamo nelle doti innate della partoriente e del nascituro nel momento del parto; crediamo che questo debba essere affiancato dalle opportunità offerte dalla medicina e che la nascita dovrebbe essere al centro di ogni agenda politica poiché riguarda l’intera umanità e non dev’essere relegata al solo universo femminile. Crediamo che il parto possa essere una straordinaria esperienza trasformativa.

Sostienici

Può interessarti anche

  • Ti racconto il mio parto - AMINa ODV

Ti racconto il mio parto #20

Giugno 18th, 2024|0 Comments

Ti racconto il mio parto #20 Se vuoi condividere con noi la tua esperienza, scrivici su: Messenger @aminaodv Instagram Direct @amina_odv Email aminaodv@gmail.com Ciao, sono Simona, il 6 maggio 2023 è [...]

Ti racconto il mio parto #19

Giugno 18th, 2024|0 Comments

Ti racconto il mio parto #19 Se vuoi condividere con noi la tua esperienza, scrivici su: Messenger @aminaodv Instagram Direct @amina_odv Email aminaodv@gmail.com Ho partorito quasi due mesi fa e ci [...]

  • Adrienne Rich - Nato di donna

Adrienne Rich – Nato di Donna

Giugno 17th, 2024|0 Comments

di Chiara Segrado - Presidente AMINa Il coraggio di uscire dallo schema della "sacra vocazione" della maternità. Già negli anni Settanta, Adrienne Rich scriveva:"I lavoratori possono organizzarsi in sindacati e scioperare; le madri sono [...]